ⓘ Lingue - Lingua, linguistica, Acroletto, Basiletto, Consiglio europeo delle associazioni di traduttori letterari, Escuela Oficial de Idiomas, ISO 639-2 ..

Lingua (linguistica)

La lingua è il sistema o forma storicamente determinata attraverso il quale gli appartenenti ad una comunità si esprimono e comunicano tra loro attraverso luso di un determinato linguaggio ovvero un insieme di segni scritti e\o parlati.

Acroletto

L acroletto è la lingua più elevata allinterno di un sistema sociale e culturale. Un esempio tipico di acroletto è il latino medievale: in epoca medievale infatti le lingue romanze venivano usate per la comunicazione giornaliera ed a scopi prevalentemente pratici ossia in funzione di basiletto, mentre il latino era la lingua della cultura e della Chiesa, e veniva adoperato nei contesti più prestigiosi. Analogamente in Italia la lingua italiana svolge ancora funzioni di acroletto rispetto ai dialetti. Certamente fino alla diffusione della scuola dellobbligo e della televisione, e prima dell ...

Basiletto

Il basiletto è la lingua meno elevata allinterno di un sistema sociale e culturale. Un esempio tipico di basiletto è rappresentato dalle lingue romanze: in epoca medievale infatti esse venivano usate per la comunicazione giornaliera ed a scopi prevalentemente pratici, mentre il latino era la lingua della cultura, della Chiesa e veniva adoperato nei contesti più prestigiosi: aveva quindi funzione di acroletto. Analogamente in Italia i dialetti, che la linguistica moderna considera lingue, svolgono tuttora il ruolo di basiletti, in quanto sono utilizzati per lo più verbalmente ed anzi la mag ...

Consiglio europeo delle associazioni di traduttori letterari

Il Consiglio europeo delle associazioni di traduttori letterari, in acronimo CEATL, è unassociazione internazionale senza fini di lucro che ha come scopi da un lato lo scambio di idee e di informazioni tra i propri associati e dallaltro la difesa e il miglioramento delle condizioni di lavoro dei traduttori letterari in Europa. È costituito dai rappresentanti delle associazioni di diversi paesi europei ed è retto dalla legge belga; rappresenta ufficialmente gli interessi dei traduttori alla Commissione europea e al Consiglio dEuropa.

Escuela Oficial de Idiomas

Nel sistema educativo spagnolo, le Escuelas Oficiales de Idiomas - "Scuole Ufficiali di Lingue" - costituiscono unampia rete di scuole pubbliche non universitarie specializzate nellinsegnamento di lingue moderne, in particolare ad adulti. Le EOI sono istituti dipendenti dagli Assessorati allIstruzione delle diverse comunità autonome e sono inquadrate allinterno degli "istituti a ordinamento speciale". Ce nè almeno una in ogni capoluogo di provincia e alcuni tra i capoluoghi più popolosi ne hanno più di una; di solito nella stessa provincia ce ne sono diverse, ma il caso più frequente è unu ...

Giornata internazionale della lingua madre

La giornata internazionale della lingua madre è una celebrazione indetta dallUNESCO per il 21 febbraio di ogni anno per promuovere la madrelingua, diversità linguistica e culturale e il multilinguismo. Istituita nel 1999, è celebrata dallanno seguente; nel 2007 è stata riconosciuta dallAssemblea Generale dellONU, contemporaneamente alla proclamazione del 2008 come Anno internazionale delle lingue. Il 21 febbraio è stato scelto per ricordare il 21 febbraio 1952, quando diversi studenti bengalesi dellUniversità di Dacca furono uccisi dalle forze di polizia del Pakistan che allora comprendeva ...

ISO 639-2

Lo standard ISO 639-2, seconda parte dello standard internazionale ISO 639, è un elenco di codici a tre lettere identificativi dei nomi dei linguaggi. È stato pubblicato per la prima volta nel 1998 con il nome Codici per la rappresentazione dei nomi dei linguaggi - Parte 2: Alpha-3 code. Sebbene in generale ad ogni linguaggio corrisponda un solo codice, ventidue linguaggi fanno eccezione, avendo due codici. Per questi linguaggi, un codice è per uso "bibliografico" ISO 639-2/B, mentre laltro è per uso "terminologico" ISO 639-2/T. In pratica, il codice bibliografico deriva dal nome in ingles ...

Isola linguistica

Un isola o enclave linguistica è un territorio dove la maggioranza della popolazione storicamente residente parla una lingua diversa rispetto alle regioni geografiche circostanti: ciò può essere dovuto ad una preesistenza territoriale storicamente documentata di minoranze linguistiche, o ad una migrazione di gruppi linguistici più o meno vasti, avvenuta in tempi più recenti. Si noti che, in uno specifico territorio, la presenza di un gruppo linguistico di minoranza può essere storicamente anche molto precedente rispetto a quello di maggioranza. Ciò accade nel caso di invasioni, conquiste o ...

Lingua franca

Una lingua franca è una lingua che viene usata come strumento di comunicazione internazionale o comunque fra persone di differente lingua madre e per le quali è straniera. Prende il nome dalla lingua franca mediterranea o sabir, lingua pidgin parlata nei porti del Mediterraneo tra lepoca delle Crociate e il XIX secolo.

Lingua in pericolo

Una lingua in pericolo è una lingua di cui sopravvivono così pochi locutori che essa corre il rischio di non essere più utilizzata nel giro di una generazione. Ad esempio, molte lingue native americane negli Stati Uniti si sono estinte a causa di politiche nel XIX secolo e nel primo XX secolo che ne scoraggiavano o ne vietavano luso. Lo stesso è accaduto anche nel XX secolo in Unione Sovietica, per lo più riguardo a lingue di popolazioni nomadi. Una lingua morta è una lingua che non ha locutori nativi.

Lingua minoritaria

Con il termine di lingua minoritaria ci si riferisce ad una lingua materna parlata da una comunità linguistica che non costituisce una realtà numericamente dominante rispetto a una data società o nazione. Si trovano quindi in una situazione di minoranza rispetto a unaltra lingua che normalmente è la lingua più prestigiosa e riconosciuta come lingua ufficiale o imposta come lingua unica ufficiale della burocrazia, nella scuola e nei media, proibendo contemporaneamente luso pubblico di ogni altra lingua e negando il plurilinguismo abitualmente presente nel territorio statale. Una lingua mino ...

Lingua nazionale

Una lingua nazionale è una lingua considerata propria da una nazione o da uno Stato, con riconoscimento ufficiale che variano da uno Stato allaltro. Talvolta lespressione "lingua nazionale" viene considerata come un sinonimo di "lingua ufficiale" di uno Stato, ma non vi è una perfetta identità tra i due termini. Molti paesi, infatti, prevedono nella loro costituzione, riconoscimenti diversi per la lingua ufficiale o le lingue ufficiali, il cui uso viene richiesto in tutto il territorio dello Stato e una o più altre lingue "nazionali", spesso di estensione territoriale limitata, che possono ...

Lingua tonale

Una lingua tonale è una lingua in cui la variazione di tono di una stessa sillaba ne determina il significato o lappartenenza a una classe grammaticale. Un tipico esempio di lingua tonale è la lingua cinese presa nella sua varietà del cinese mandarino, il cui sistema tonale consta di 4 toni più un ulteriore tono neutro. Ad esempio, la sillaba "ma", se pronunciata col primo tono, mā, può significare "mamma", se pronunciata col secondo tono, má, può significare "canapa", se pronunciata col terzo tono, mǎ, può significare cavallo, se pronunciata col quarto tono, mà può significare "insultare" ...

Lingua ufficiale

Una lingua ufficiale è la lingua che uno Stato sovrano ha legalmente adottato per la produzione dei propri documenti ufficiali, come le leggi, gli atti giudiziari e notarili. Sono generalmente considerate lingue ufficiali di uno Stato le lingue citate come tali nella Costituzione o nelle leggi equiparate ad essa. Se le lingue minoritarie compaiono accanto alle lingue ufficiali come tali, anche queste lingue sono considerate come ufficiali dello Stato. Organismi sovranazionali, o associazioni private, possono definire una propria lingua ufficiale che può essere diversa da quella del paese i ...

Lingua vivente

Una lingua è detta vivente quando esistono ancora delle persone che la adoperano come lingua madre. Lopposto di questo termine è Lingua morta. Le lingue viventi sono utilizzate per la comunicazione tra persone. Il loro impiego è naturalmente sviluppato per leducazione i genitori insegnano al più presto ai loro bambini la lingua che parlano. Inoltre è spesso favorito linsegnamento delle lingue viventi diverse dalla lingua madre per lo sviluppo dei commerci con le altre culture. NellEuropa antica, il latino era utilizzato come lingua di scambi culturali e commerciali nellintero impero romano ...

Lingue per numero di parlanti madrelingua

La seguente tabella si basa su dati provenienti dalla pubblicazione "Languages of the World". Molte delle stime si riferiscono ad anni precedenti il 2010. Sono state considerate le prime 103 lingue parlate nel mondo ordinate per numero di madrelingua e indicando ove presenti il totale dei parlanti includendo anche coloro che la usano come seconda lingua.

Linguistica educativa

La linguistica educativa è un settore delle Scienze del linguaggio che ha per oggetto la lingua vista in funzione del suo apprendimento, dellinsegnamento e dello sviluppo delle capacità semiotiche. Si occupa non solo di apprendimento e insegnamento delle lingue straniere, ma anche delle L1, delle lingue classiche, delle microlingue; considera inoltre fondamentale il legame tra la competenza nella L1 e quella nelle altre lingue. Inoltre la disciplina ha come suo interesse lelaborazione di approcci, metodi e tecniche didattiche che servano a potenziare lapprendimento e linsegnamento linguistico.

Lista delle famiglie linguistiche

Una Famiglia linguistica è formata da un gruppo di lingue, discendenti da una lingua ancestrale comune. Nellelenco seguente sono riportate le maggiori famiglie linguistiche del mondo ordinate per numero di locutori: Lingue uraliche ~0.4% Lingue niger-kordofaniane ~10% Lingue tupi-guaraní ( Lingue austroasiatiche ~1 % Lingue afroasiatiche ~5% Lingue sino-tibetane ~22% Lingue austronesiane ~5% Lingue nilo-sahariane ~0.12% Lingue caucasiche ~0.2% Lingue altaiche ~3% Lingue indoeuropee ~45% Lingua giapponese ~2% Lingue elamo-dravidiche ~3%

Lista delle lingue più antiche per prima attestazione scritta

È la prima attestazione scritta a definire generalmente letà di una lingua. Sono estremamente poche le lingue di cui sia giunta prova di unattestazione scritta antecedente al primo millennio avanti Cristo. Di queste, una sola, il greco, è tuttora parlata, benché nella sua variante moderna. La lingua egizia sopravvive nella variante della lingua copta, sua erede diretta, allinterno della liturgia della Chiesa ortodossa copta. Mentre il greco moderno è considerato erede diretto del greco antico, lo stesso non si può dire del latino e delle lingue neolatine sue eredi, considerate lingue a sé ...

Lista di lingue ufficiali

Questa è una lista di lingue ufficiali degli Stati sovrani del mondo. Include tutte le lingue a cui è stato dato uno status ufficiale: sia a livello nazionale, che in parte dello Stato, sia a livello regionale o come lingua di minoranze linguistiche. Sono inclusi solo gli Stati sovrani riconosciuti internazionalmente e sono quindi esclusi eventuali altre entità non autonome o dipendenti, la cui lingua ufficiale è conseguenza dello Stato da cui dipendono.

Macro-lingua

In linguistica, una macro-lingua o macrolingua è una categoria introdotta dalle norme internazionali ISO 639. In generale, designa una lingua suddivisa in varianti apparentate e non necessariamente comprensibili tra di loro ma che, per certe ragioni di ordine etnico, culturale, politico e/o religioso, sono considerate come dialetti di una sola e unica lingua. A volte, il termine macro-lingua è impiegato in un contesto di diglossia: quando coesistono diverse varietà derivate da una lingua più antica o "classica", ed in cui questa lingua è usata per facilitare la comunicazione tra locutori d ...

Madrelingua

La lingua materna di un individuo è ognuna delle lingue naturali che vengono apprese dallindividuo stesso per mezzo del processo naturale e spontaneo detto acquisizione linguistica, indipendentemente dalleventuale istruzione. Significa inoltre la lingua della famiglia o degli antenati di qualcuno. Lindividuo che parla una certa lingua come lingua nativa, nellitaliano corrente è solitamente detto madrelingua per esempio: Il professore dinglese è madrelingua, È di madrelingua; nella terminologia dei linguisti, si dice più spesso parlante nativo ingl. native speaker. Nella storia politico-lin ...

Metodo Paderborn

Il metodo di Paderborn o più semplicemente metodo Paderborn è un metodo per linsegnamento delle lingue straniere ideato per i bambini. Esso prevede lapprendimento di una lingua semplice, e poi lo studio della lingua straniera più difficile. Lefficacia del metodo è stata registrata empiricamente varie volte nel secolo scorso, tuttavia essa è stata scientificamente dimostrata dal professore Helmar Frank allIstituto di Pedagogia cibernetica dellUniversità di Paderborn Germania, da cui il nome.

Penisola linguistica

Una penisola linguistica è un territorio di modeste dimensioni, dove la maggioranza della popolazione parla una lingua diversa da quella ufficiale dello stato in cui si trova, rimanendo però confinante con la madrepatria, a differenza di unisola linguistica, che resta invece isolata. Riportare tutte le penisole linguistiche è quasi impossibile, dato che è molto facile trovarne di piccolissime dimensioni presso i confini; qui di seguito vengono quindi citate solo quelle che riguardano lItalia.

Poliglotta

Un poliglotta è una persona con un alto grado di conoscenza in più lingue. Una persona capace di parlare due lingue correntemente è identificato come bilingue, tre lingue trilingue, quattro lingue quadrilingue ; sopra le quattro lingue viene utilizzato il termine multilingue. La capacità di padroneggiare molte lingue è chiamata poliglottismo, o, più raramente, poliglottia. In alcuni casi si usano anche, in loro particolari accezioni, i termini multilinguismo e plurilinguismo, che sono in genere, tra loro, sinonimi.

Lingue regionali

Una lingua regionale è una lingua parlata in una parte di un Paese - potrebbe essere una piccola area, uno stato o provincia federale, o unarea più ampia. Viene spesso scambiata impropriamente per un dialetto.

Sandhi tonale

Il sandhi tonale è una forma di sandhi che si produce nelle lingue tonali, nella quale i toni assegnati alle singole parole variano in base alla pronuncia delle parole che le circondano nellenunciato. Esiste in tutte le lingue tonali, ma in alcune appare più diffuso che in altre. Il termine sandhi viene dal sanscrito e significa propriamente "legamento" composto da sam- "assieme" e dal tema di dhā- "porre, fare" ; cfr. letimo di sintesi. Nella grammatica sanscrita dalla quale il termine è poi passato anche in altre lingue indica "linsieme degli adattamenti fonologici che si verificano nell ...