ⓘ Michail Vasilevič Alekseev è stato un generale russo. Ufficiale di spicco prima e durante la prima guerra mondiale, fu uno dei capi delle forze anti-bolsceviche ..

                                     

ⓘ Michail Vasilevič Alekseev

Michail Vasilevič Alekseev è stato un generale russo. Ufficiale di spicco prima e durante la prima guerra mondiale, fu uno dei capi delle forze anti-bolsceviche dellArmata Bianca nel periodo 1917 - 1918.

                                     

1. Biografia

Nato a Tver, cittadina posta tra i fiumi Volga e Tverca, suo padre era capitano dellesercito nel 64º Reggimento del Kazan. Dopo aver intrapreso anche lui la carriera militare, Michail Alekseev conseguì i gradi alla Scuola Militare di Mosca nel 1876 e fu assegnato al 64º Reggimento di Kazan.

Dopo aver terminato il corso di studi allAccademia Militare Nicolas, nel 1890 venne nominato aiutante di campo al quartier generale del 1º Corpo dArmata del Distretto Militare di San Pietroburgo, dove prestò servizio sia in qualità di ufficiale che come professore di storia allAccademia Militare del Distretto dal 1898 al 1904.

Con lo scoppio della guerra russo-giapponese, Alekseev venne nominato nel 1904 Generale Quartiermastro della 3ª Armata Russa in Manciuria e durante il conflitto venne insignito dellOrdine di San Stanislao e dellOrdine di SantAnna. Dopo la guerra, nel 1908, venne nominato Capo Distretto del Distretto militare di Kiev.

Contrario al governo dei Soviet, dopo la presa del potere da parte dei Bolscevichi nella rivoluzione di ottobre del 1917, Alekseev si reca a Novočerkassk, dove riceve supporto dal leader dei cosacchi del Don, il generale Aleksej Maksimovič Kaledin. Venne poi raggiunto dal generale Lavr Kornilov, con il quale non ebbe mai buoni rapporti. Nel dicembre 1917, Kornilov prese il comando militare delle forze anti-bolsceviche mentre Alekseev si concentrò sulle relazioni diplomatiche e finanziarie. Dopo la morte di Kornilov nellaprile 1918, Alekseev si dimise dalle forze controrivoluzionarie per ritirarsi nella regione del fiume Don. Nel settembre 1918, mori a Ekaterinodar a causa di un infarto. Inizialmente venne lì sepolto nella cripta cosacca della cattedrale, ma la famiglia volle che le sue spoglie fossero trasferite a Belgrado in Serbia dove sono ancora oggi.

Fino al 1917 è membro della Massoneria, in una loggia militare.