ⓘ Gunnar Gren. Annoverato tra i calciatori svedesi migliori di sempre, aveva il suo punto forte nella sagacia tattica. Abile nelle giocate più difficili, con gran ..

                                     

ⓘ Gunnar Gren

Annoverato tra i calciatori svedesi migliori di sempre, aveva il suo punto forte nella sagacia tattica. Abile nelle giocate più difficili, con grande precisione nei passaggi e grande senso della posizione.

                                     

1.1. Carriera Inizi e approdo allIFK Göteborg

Iniziò la sua carriera nel Gårda Bollklubb, altra squadra di Göteborg. Nel 1941, venne acquistato dallIFK Göteborg, squadra principale della città scandinava. Con lIFK vinse molti trofei, tra cui il titolo svedese e il Guldbollen Pallone doro svedese nel 1946.

                                     

1.2. Carriera Milan

La sua storia è legata al Milan, che lo acquistò nel 1949 e con cui vinse un campionato italiano e una Coppa Latina. Da allora il suo nome Gre entrò a far parte del trio Gre-No-Li insieme a quelli dei connazionali Gunnar Nordahl No e Nils Liedholm Li. In Italia venne soprannominato Il Professore. Nella sua avventura italiana lo svedese non vestì solo la maglia del Milan 133 presenze e 38 reti bensì anche quella di Fiorentina 55 presenze 5 reti e, prima di ritornare in patria, quella del Genoa 29 presenze e 2 reti.

                                     

1.3. Carriera Fiorentina e Genoa

Arrivò a Firenze nel 1953, chi dice per motivi economici del Milan chi per una lite con lallenatore dei rossoneri. Con i viola giocò per 2 stagioni con discreto successo. Conclusa la sua esperienza toscana, giocò una stagione al Genoa prima di concludere la sua carriera in categorie minori. Con il Genoa fu protagonista tra laltro proprio della partita con la Fiorentina, quando allultima giornata la squadra genovese batté i gigliati 3-1 impedendo loro di concludere il campionato imbattuti: Gren segnò il primo gol di quella storica rimonta genoana.

                                     

1.4. Carriera Nazionale

Gren esordì con la maglia della Svezia il 29 agosto 1940 Svezia-Finlandia 3-2.

Alle Olimpiadi del 1948 conquista la medaglia doro: al fianco si trova Nils Liedholm col quale in seguito giocherà nel Milan e, nel 1958, nelle partite di qualificazione per i Mondiali di Svezia la sua ultima presenza in nazionale è datata 26 ottobre 1958 Svezia-Danimarca 4-4. Allepoca Gren ha 37 anni e 360 giorni.

Farà parte della rosa svedese classificatasi seconda ai predetti Mondiali svedesi del 1958 assieme a Svensson e Liedholm è uno dei tre reduci delloro delle Olimpiadi 1948. È inoltre il secondo giocatore più anziano ad aver segnato in una fase finale dei mondiali, il 24 giugno 1958 a 37 anni e 238 giorni, preceduto solo dal primatista assoluto il camerunese Roger Milla. Il suo bilancio complessivo in nazionale è di 57 partite e 32 gol, quarto giocatore svedese per numero di gol nella storia della nazionale.

                                     

1.5. Carriera Allenatore

Gren cominciò la carriera di allenatore nel 1953 quando il Milan gli affidò il compito di allenatore-giocatore, che tuttavia gli fu riservato solo durante le partite di Coppa Latina. Gren guidò la squadra solo per due partite nelle quali decise anche di scendere in campo, ma riuscì a portare i rossoneri in finale. Dopo questa esperienza tornò ad allenare solo nel 1956, quando lasciò lItalia.

Tornato in Svezia venne ingaggiato dallÖrgryte con il ruolo di allenatore-giocatore. Guidò la squadra per tre stagioni e riuscì a riportare il club in Allsvenskan, la massima divisione svedese. Successivamente divenne allenatore del Göteborg.

Nel 1961 ottenne quello che probabilmente fu il suo incarico più importante, approdando alla Juventus. Chiamato a Torino in gennaio per affiancare lallenatore Carlo Parola come direttore tecnico, in questa veste vinse con i bianconeri lo scudetto del 1960-1961. Mantenne inizialmente lincarico anche per la stagione seguente, stavolta a fianco del nuovo trainer Július Korostelev; tuttavia in settembre, dopo appena due giornate del campionato 1961-1962, Gren si vide costretto a lasciare improvvisamente piemontesi per questioni personali, facendo ritorno in Svezia.

Ristabilitosi definitivamente in patria, da allora allenò solo compagini locali. Nel 1963 venne ingaggiato dal GAIS come allenatore-giocatore, con il club ottenne la promozione in Allsvenskan. Guidò il club anche la stagione successiva, mentre nel 1965 il Värnamo, squadra di quarta divisione, lo ingaggiò come allenatore-giocatore, allenandolo poi anche nel 1966. Nel 1967 divenne il tecnico del Redbergslids. Lanno successivo invece tornò al GAIS, questa volta nelle vesti di allenatore, guidandolo per due stagioni.

Finita la seconda e ultima esperienza al GAIS divenne allenatore-giocatore di tre squadre minori che militavano tutte nella quarta divisione svedese: nel 1970 venne ingaggiato dallo Skogens, nel 1973 dal Fässbergs e, infine, nel 1976 dallOddevold.

Morì nel 1991, a 71 anni a causa di un ictus. È stato sepolto nel Cimitero Occidentale di Västra Kyrkogården a Göteborg, Västra Götaland.



                                     

2. Palmarès

Club

  • Campionato italiano: 1
Milan: 1950-1951
  • Coppa Latina: 1
Milan: 1951
  • Campionato svedese: 1
Göteborg: 1941-1942